The Blog

ciofsdonne

Violenza contro le donne: “Occorre un cambiamento radicale”

La violenza contro le donne in Italia continua a essere una tragica realtà, con dati allarmanti che mostrano la necessità di un cambiamento radicale. Amnesty International Italia sottolinea come, dall’inizio dell’anno, 106 donne abbiano perso la vita, con un femminicidio ogni 72 ore.

Questi numeri delineano una situazione catastrofica, evidenziando la persistenza di una cultura della violenza di genere radicata nella società.

La Situazione in Italia e la Necessità di un Cambiamento Radicale

Nonostante significativi progressi legislativi, come la modifica del diritto di famiglia, l’abrogazione del delitto d’onore e del matrimonio riparatore, e il riconoscimento dello stupro come delitto contro la persona, la violenza di genere rimane un problema endemico in Italia.

Una donna su tre subisce violenza sessuale, sottolineando la mancanza di una cultura del consenso e dell’autonomia delle donne sul proprio corpo.

Le misure legislative adottate, tra cui la legge sul femminicidio e la ratifica della Convenzione di Istanbul, sono passi importanti ma non sufficienti. C’è una necessità urgente di affrontare e smantellare la cultura patriarcale che perpetua la violenza contro le donne, promuovendo un rispetto reciproco e un’educazione al consenso.

Una Rivoluzione Culturale, Sociale e Politica Necessaria

Come CIOFS/FP- Puglia si predichiamo affinchè si  enfatizzi la necessità di una rivoluzione che vada oltre l’ambito culturale, specie tra i giovani.

La disuguaglianza di genere è radicata e va affrontata con azioni concrete che coinvolgano tutti gli aspetti della società. La violenza di genere si intreccia con problemi sociali ed economici, e richiede un cambiamento nell’atteggiamento culturale, oltre che nel supporto ai diritti e al lavoro delle donne.

Educazione e Prevenzione

La prevenzione attraverso l’educazione è fondamentale. È allarmante che una parte significativa della popolazione mondiale ritenga ancora giustificabile che un uomo picchi la moglie. In Italia, è necessario un cambiamento nelle credenze e negli atteggiamenti degli individui, specialmente tra i giovani, per promuovere il rispetto reciproco e la comprensione delle dinamiche di potere diseguali.

Il nostro APPELLO

In occasione del 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, come CIOFS/FP-Puglia chiediamo a tutti i nostri ragazzi e ragazze, una riflessione profonda sulla costruzione di una società basata sul rispetto e sull’equità.

La violenza contro le donne non può essere tollerata e richiede un impegno collettivo.

Dobbiamo promuovere una partecipazione attiva da parte di tutti, perché dal basso e con la partecipazione di tutti  è possibile eradicare questo problema.