Newsletter

Rimani informato sulle ultime attività

News

L’IMPORTANZA DI SOGNARE IN GRANDE NEL PESSIMISMO POST PANDEMINA
29 Gen 21

L’IMPORTANZA DI SOGNARE IN GRANDE NEL PESSIMISMO POST PANDEMINA

Pensiamo a una persona che stimi. Un idolo, qualcuno che rappresenti per te un esempio di forza e successo. Magari è personaggio famoso, magari, è uno dei tanti “eroi che si celano dietro a vite apparentemente normali“ come lo è stato Don Bosco.

Non ha alcuna importanza, così come non conta quale sia stata la portata della sua Vita e cosa abbia fatto nello specifico. C’è solo un aspetto che conta: quella persona che tanto stimiamo probabilmente non avrebbe combinato nulla se avesse dato retta ciò che le dicevano gli altri.

Perché certi sogni si possono realizzare solo se si ha il coraggio di andare contro l’opinione più comune e rischiare per un motivo, per amore, per un Credo. 

Ed è per questo che molti non osano nemmeno più a sognare… un errore imperdonabile per chi vuole trovare e seguire le coordinate della sua felicità.

In giro ci sono molte persone accomunate da una caratteristica ben precisa: si vantano di essere realiste, quando in realtà non sono altro che pessimiste ed in questo momento ce ne sono davvero tante.

Sono quelle che giudicano gli altri e i loro progetti dicendo chiaramente di mettere sempre prima la razionalità, ma poi, in realtà, non sono affatto ragionevoli. Il loro giudizio pende sempre da un lato ben preciso, quello opposto a dove si trovano i sognatori.

Sono quelli che non stanno nemmeno ad ascoltare il tuo progetto di cambiare vita ed essere felice, perché lo bollano fin da subito come irrealizzabile e impossibile. 

Troveremo sempre qualcuno che dirà che dobbiamo crescere, mettere la testa sulle spalle ed essere realisti, perché la vita è questa, è sofferenza e sacrificio, se non sei ricchissimo sei destinato a vivere nell’autocommiserazione.

Ma questo non è realismo. Questo è pessimismo. La vita non dev’essere per forza una guerra.

Dobbiamo tornare a sognare e magari, farlo con gli occhi di Don Bosco, un Santo Moderno, realista concreto ma mai lontano dai Sogni e dal sorriso.

Ma come diceva lo stesso Santo fondatore della Famiglia Salesiana non limitiamoci a sognare, ma sogniamo in grande, apprezzando ogni passo, anche il più piccolo che ci porta al raggiungimento di una Felicità piena.

Freghiamocene del giudizio di quelli che ritengono tutto impossibile, leviamoci di dosso la paura di sembrare illusi e soprattutto la paura di fallire. Fallire non è un problema, anzi: significa che ci abbiamo provato e non avremo rimpianti.  Se Don Bosco non avesse sognato in grande, ora non avremmo una delle più belle e grandi basiliche romane.

Sogniamo in grande, innanzitutto perché possiamo farlo. Chi ci vieta di immaginare cambiare la nostra vita? Chi ci  ferma se la nostra mente crea un futuro in cui vivi in un’altra città, con altre persone intorno e un lavoro che ci piace? Chi può impedirci concretamente di progettare un grande cambiamento di vita, di qualunque tipo?

Nessuno. La cosa bella dei sogni è che nessuno può fermarli. È come provare a fermare il corso di un fiume a mani nude.

Ma Don Bosco ci insegna a sognare in grande

E allora, visto che non ci sono limiti, sogniamo in grande. Non dobbiamo essere  timidi nei sogni specie se portano del Bene.

Il fatto che un sogno sia qualcosa di astratto non significa che non abbia ripercussioni concrete sulla tua vita.

Sognare è il primo tassello del tuo effetto domino, perché sognare mette in movimento tutto. È come accendere un motore e Don Bosco quel motore lo accese a metà dell’’800 e non si è più fermato. 

All’inizio sogniamo e ci diciamo che sarebbe proprio bello, ma ovviamente è impossibile. Poi iniziamo a crederci un po’ di più e poi ancora un po’ di più. Finché non ci ritroviamo, quasi senza rendercene conto, a lavorare concretamente per realizzarlo.

Non possiamo sapere dove ti porteranno certi pensieri e certe emozioni. Magari, un domani ci guarderemo indietro e ci  renderemo conto che quella grande rivoluzione personale verso la felicità che siamo riusciti a compiere è iniziata proprio così: sognando.

E allora sogniamo. Sogna forte, sogna in grande, Sogniamo come DON BOSCO

BUONA FESTA DI DON BOSCO



Copyright © CIOFS/FP-Puglia

Powered by: Alkimialab